caparezza

SE UN VIDEO CI FA STARE BENE

28 gennaio 2018

Una canzone che racconta di diete famose, di star in depressione, di uranio in Kossovo, passando per i G8 nei bar, Eddie Murphy e la leggendaria Mariele Ventre. Il grande Caparezza. Il video di “Ti fa stare bene” è girato all’interno di una casa di riposo insieme agli ospiti (veri) di una struttura, e racconta l’incontro fra due universi distanti, quello dei bambini e quello della terza età. Mondi che si parlano, che interagiscono, uniti dalla libertà di fare e pensare “cose” fuori dagli schemi ordinari. Qualcosa di ben diverso dal “nero lutto di chi non ha niente a parte avere tutto” in un brano che contesta apertamente il vuoto che circonda le nostre vite di oggi.

Come i precedenti video dell’artista pugliese, siamo di fronte ad un video molto ben scritto e girato, con un bella fotografia e un’ottima post produzione. Notevole anche il muppet al suo fianco sul camion, elemento di colore e divertimento. Decisiva anche il ruolo del coro dei bambini “Con le mani sporche fai le macchie nere, vola sulle scope come fan le streghe”, ottimamente calati nel ruolo di interpreti canori. Guardare il mondo attraverso lo sguardo dei più piccoli, suggerisce Caparezza, è sinonimo di libertà, spontaneità e la più profonda autenticità. Ma è anche ciò che ci fa stare bene.